• No products in the cart.
Shop by our top categories...
    Risultati per:

    Blog, Senza categoria

    FUMARE FA DIMAGRIRE?

    Tra le varie “scuse” che spesso i fumatori danno per giustificare il loro vizio, ce n’è una particolarmente utilizzata: il fumo “assicura” ai fumatori il controllo del peso. In molti sostengono, anzi, di non poter smettere di fumare per paura di ingrassare.

    Ma le cose stanno proprio così? Non proprio.

    FALSO

    Fumare non fa dimagrire. Questa falsa credenza è stata ampiamente smentita sia da sperimentazioni sul campo (su fumatori, ex fumatori e non fumatori), sia da test di laboratorio.

    Il fumo, tuttavia, dà l’impressione di controllare l’appetito, ma semplicemente perché la nicotina causa un “addormentamento” del senso del gusto e del’olfatto, non permettendoci di godere appieno del piacere del mangiare.

    Quando si compie una scelta importante come quella di smettere di fumare, specialmente se si è stati fumatori per tanti anni, entrano in gioco meccanismi psicologici che hanno a che vedere con il proprio modo di vivere la dipendenza dal tabacco. Non di rado, difatti, un ex-fumatore va alla ricerca di “compensazione”. Ossia: in assenza del “gesto” del fumare, più che del piacere ad esso legato, si rifugia molto più facilmente nel cibo, specie quello più dannoso per l’organismo (dolci, snack etc.). Ma, oltre alla “compensazione”, c’è un altro fattore.

    Smettere di fumare può comportare un aumento di peso poichè, di fatto, rallenta il metabolismo. Difatti, ci vogliono circa due mesi di pazienza perchè il metabolismo si riadatti alle nuove condizioni. Per questo, è estremamente probabile che gli ex fumatori mangino semplicemente più di prima.

    AL CONTRARIO

    Negli ultimi anni è stato dimostrato l’inverso, ossia che i tabagisti sviluppano una resistenza maggiore all’insulina. Questo significa che probabilmente fumare non solo non aiuta a dimagrire, ma fa addirittura ingrassare, aumentando particolarmente i danni provocati dagli alimenti dolci e zuccherini.

    Non tutti, comunque, prendono qualche chilo: nella prima fase è infatti sufficiente fare attenzione a quanto e che cosa si mangia. Può essere molto utile svolgere un po’ di esercizio fisico supplementare, che aiuta non poco nel gestire le crisi di astinenza.